EQUISETUM ARVENSE

fusti sterili

Proprietà Principali
Le equisetacee meritano un posto a parte del tutto particolare nell’arsenale del fitoterapeuta per la loro triplice azione: diuretica, emostatica e remineralizzante. L’assorbimento ottimale di silicio presuppone un ambiente gastrico acido, quindi nei pazienti con ipocloridria (ipoacidità) l’assunzione va fatta con cibi acidi.
Indicazioni
Per uso interno:
1) Apparato genitourinario: la grande quantità di sali e di glicosidi flavonici depongono per l’utilizzo nelle nefrolitiasi, nefriti croniche, ritenzioni urinarie, ipertensione, congestione del piccolo bacino

2) Apparato respiratorio:in passato è stato molto usato nella tubercolosi polmonare; aumenta le difese immunitarie attraverso una spiccata leucocitosi.

3) Apparato scheletrico: molto ben utilizzato nelle affezioni articolari sia infiammatorie che degenerative, nelle fratture, nelle tendiniti, gotta ed osteoporosi.

4) Apparato cardio-vascolare: nelle malattie aterosclerotiche, come preventivo e curativo del tessuto elastico della parete arteriosa.

5) Sangue: la presenza di sostanze coaugulanti ed anticoaugulanti nella pianta, ne riequilibrano le caratteristiche emoreologiche.
Posologia
20/25 gocce x 3 volte al dì, dopo i pasti, diluite in acqua.
Attività Sinergiche
  • Diuretico
  • Erigeron C.
  • Orthosiphon S.
  • Taraxacum D.L.
  • Remineralizzante
  • Fucus V.
  • Erigeron C.
  • Harpagophytum P.
  • Emostatico cicatrizzante
  • Achillea M.
  • Cupressus S.
  • Erigeron C.